L’affitto si fa strada nel mercato immobiliare globale dominato dalla proprietà

Con lo scoppio della crisi economica mondiale tra il 2007 e il 2008, si è consolidata una tendenza nel mercato immobiliare: sempre più famiglie hanno preferito vivere in affitto. Negli anni dopo la crisi (2010-2015), fattori economici, demografici e sociali hanno portato a un aumento delle locazioni, anche se possedere la casa in cui si vive è ancora la scelta principale in 29 dei 30 Paesi sviluppati studiati dall’Ocse.

In un momento di crisi economica in cui accedere a un mutuo è complicato, la disoccupazione è aumentata e trovare un’occupazione stabile è diventato sempre più difficile, si sono aggiunti nuovi elementi sociali e demografici come l’ingresso dei Millennial nel mercato del lavoro o il ritardo nell’emancipazione dei giovani dalle loro famiglie. Questi sono solo alcuni dei fattori che hanno segnato il mercato immobiliare in tutto il mondo negli ultimi anni.

Prendendo come riferimento il periodo 2010-2015 si nota che il Regno Unito (21,6%), l’Irlanda (12,3%) e la Danimarca (11,6%) sono stati i Paesi che hanno registrato il maggiore aumento, a due cifre, di case in affitto. In ben 21 Paesi, dei 30 analizzati, sono aumentate le case in affitto. Spiccano gli Stati Uniti (9,3%), la Spagna (7,9%) e la Germania (2,7%).