Cedolare secca nella dichiarazione dei redditi, compilazione del 730

Il proprietario che ha affittato il proprio immobile scegliendo il regime della cedolare secca, deve indicarlo nella dichiarazione dei redditi 2018. Vediamo quali sono i passi da seguire.

Cedolare secca cos’è e come funziona

La cedolare secca è un’imposta che sostituisce l’Irpef, le addizionali comunali e regionali e l’imposta di registro e bollo e si applica ai redditi derivati da locazione. Per effetto della legge di bilancio per il biennio 2018-2019 è stato prorogata la cedolare secca al 10% per i canoni concordati. Da quest’anno, inoltre, si applica anche la cedolare secca del 21% sugli affitti brevi.

 Per poter applicare la cedolare secca il proprietario deve essere una persona fisica e il contratto deve riguardare una locazione abitativa.

Articolo preso da Idealista